Migliorare le funzioni cognitive: 5 strategie di Naturopatia Australiana

Migliorare le funzioni cognitive : 5 strategie di Naturopatia Australiana

Se stai cercando delle soluzioni per aumentare la vigilanza, ridurre la sensazione di nebbia mentale e migliorare le prestazioni cognitive, in questo video vedremo le strategie essenziali per te.

La prima e’ avere adeguati livelli di Omega 3 acidi grassi essenziali. Perché sono chiamati essenziali? Gli acidi grassi essenziali sono conosciuti come tali perché il nostro corpo non li produce. Ciò significa che devi fare affidamento su fonti alimentari esterne come pesce, olio di pesce (purificato, filtrato e di alta qualità), noci e semi.

Gli Omega 3 sono dei componenti significativi del cervello e degli occhi. Circa il 60% del cervello è composto da grasso e il 25% del grasso è un composto noto come DHA o acido  docosaesaenoico, che si trova nell’olio di pesce.

Il DHA infatti esiste ad alti livelli nei neuroni, che sono le cellule cerebrali. Quando il corpo ha un basso contenuto di DHA, le cellule nervose diventano “rigide” e più inclini all’infiammazione, causando la compromissione della comunicazione tra le cellule stesse, detta anche neurotrasmissione.

La seconda strategia per avere sempre una mente brillante e’ praticare attivita’ fisica. È particolarmente importante aumentare l’esercizio cardiovascolare, poiché la ricerca dimostra che potenzia l’attivita’ dei Mitocondri. I mitocondri producono energia in ogni cellula del nostro corpo, che aiuta il cervello a lavorare più velocemente ed in modo più efficiente.

La terza strategia e’ l’ottimizzazione dei livelli di vitamina B12, poiche’ un segno distintivo di bassi livelli di B12 è proprio la nebbia nella testa ed una prontezza mentale ridotta. Il nostro corpo ha bisogno di un adeguato apporto di vitamina B12 per i globuli rossi, per rilasciare correttamente l’ossigeno in tutto il corpo e al cervello.

Le fonti alimentari di vitamina B12 sono ad esempio le carni di manzo e pollo, i frutti di mare e le uova. La quarta strategia e’ prendersi cura del sistema digerente che è il tuo secondo cervello, infatti la salute del cervello può essere collegata alla salute del tuo sistema digestivo.

Esiste una connessione significativa tra la flora anormale dell’intestino, una condizione chiamata disbiosi intestinale e la funzione anormale del cervello, in quanto i batteri nel tuo sistema digestivo inviano dei segnali al cervello attraverso il nervo vago.

Per avere una flora intestinale sana, limita l’assunzione di zucchero in quanto i batteri cattivi nel sistema digestivo si nutrono dello zucchero che assumi con la dieta. Inoltre, puoi aumentare i cibi fermentati naturalmente ricchi di probiotici come i crauti, il kefir, lo yogurt naturale e il kombucha.

La quinta ed ultima strategia per mantenere una mente sana e vitale e’ quella di continuare ad imparare e sfidare la tua mente allungando, diciamo cosi’, il tuo cervello,  proprio come costruire un muscolo in palestra, ci vuole uno sviluppo continuo ed un impegno costante per migliorare le tue capacità mentali.

Imparare a sfidare la tua mente ti aiuta con la struttura e la dimensione dei neuroni, creando nuove connessioni e percorsi sviluppati nel cervello, un processo noto come neurogenesi.

Gli esercizi cerebrali utili a tale scopo sono ad esempio il formarsi su diversi argomenti o materie, grazie a corsi di formazione ed aggiornamenti continui, imparare una nuova lingua o suonare uno strumento musicale.

Se questi contenuti ti sono stati di aiuto, condividili con le persone che ami, grazie per l’ascolto.

Stanchezza surrenale: i migliori rimedi di Naturopatia Australiana

Ti sei mai chiesto che cosa provoca lo squilibrio e la stanchezza surrenale ?

Se sei stanco, sopraffatto, lunatico, un po’ irritabile e ti viene spesso voglia di zuccheri, amidi o cibi salati e hai sempre bisogno della prossima tazza di caffè, allora potresti avere a che fare con la disregolazione surrenalica. In questo video vedremo come prenderti cura delle tue ghiandole surrenali e ritrovare il benessere generale.

Le ghiandole surrenali sono delle ghiandole delle dimensioni di un pollice che si trovano sopra i reni e fanno parte del tuo sistema ormonale generale. Producono più di 50 ormoni che sono i responsabili per il benessere del tuo corpo.

Lavorano insieme all’ipotalamo, alla ghiandola pituitaria e insieme costituiscono l’asse ipotalamo-ipofisi-surrene e svolgono un ruolo enorme nella risposta allo stress.

Infatti quando il cervello percepisce una minaccia che sia mentale, fisica o emotiva, le ghiandole surrenali rilasciano adrenalina per aiutarti a rispondere a tale minaccia, aumentando la frequenza cardiaca e controllando il flusso di sangue al cervello e ai muscoli. Cio’ è noto come risposta lotta o fuggi.

Le ghiandole surrenali bilanciano anche altri ormoni come i Glucocorticoidi come il cortisolo che aiuta a rispondere allo stress, regola la glicemia, mantiene l’immunità e l’infiammazione nel corpo.

I Mineralocorticoidi come l’aldosterone che aiuta a regolare la pressione sanguigna e mantiene l’equilibrio elettrolitico di sodio e potassio nel corpo.

Quali sono le cause della stanchezza surrenale?

In poche parole, le tue ghiandole surrenali ti comunicano che ne hanno avuto abbastanza di eventi stressanti come: la malattia cronica, la perdita di una persona cara, le pressioni al lavoro, il cambio di casa o paese, l’esposizione ad inquinanti ambientali e tossine ma anche dello stress emotivo e mentale in corso a causa di relazioni tossiche, relazioni sul lavoro, difficoltà finanziarie e qualsiasi altra cosa che crea sentimenti di disperazione.

Ricorda che la risposta allo stress è innescata da una minaccia reale o percepita. Ciò significa che anche il tuo dialogo interno ed il modo in cui il tuo ambiente esterno e il tuo mondo ti riguardano possono esaurire le tue riserve surrenali.

Anche quando non dormi abbastanza e non ci sono nutrienti sufficienti per alimentare e nutrire il tuo corpo stai mettendo a dura prova le ghiandole surrenali.

Come pure la mancanza di esercizio fisico e la restrizione calorica cronica, cioe’ lo stare sempre a dieta e mangiare poco è una forma di stress sul corpo che può a sua volta ripercuotersi sulle ghiandole surrenali.

Quali sono i sintomi della stanchezza surrenale?

Fatica soprattutto al risveglio al mattino. Ti senti confuso, con umore basso o altalenante, affaticamento e debolezza muscolare, mancanza di o scarsa concentrazione, voglie di zucchero, sale o amido, aumento di allergie ed intolleranze, aumento di peso, perdita di massa ossea e di capelli, basso desiderio sessuale. Capogiri o sensazione di svenimento. Ipoglicemia, cioe’ bassi livelli di zucchero nel sangue. Bassa pressione sanguigna, cioe’ ipotensione.

Come puoi risolvere la disregolazione surrenale?

La soluzione è minimizzare lo stress nella tua vita e sul tuo corpo. Lo stress è inevitabile e in molti casi può essere una forza positiva nella tua vita. Ad esempio, può farti esibire meglio e con maggiore chiarezza in caso di eventi stressanti come una presentazione al lavoro o un evento sportivo come il triathlon o correre una maratona.

Ma è il modo in cui hai scelto di rispondere al tuo ambiente, comprese le tue relazioni con gli altri che avra’ un impatto reale sulle tue ghiandole surrenali. Spesso puoi essere il tuo peggior critico e nemico e il tuo dialogo interno può dirti come devi essere più, più e altre versioni, o di non essere abbastanza bravo. La cura di sé e l’amor proprio sono tutto ciò che è necessario in questi casi.

Cosa dovresti mangiare per supportare le tue ghiandole surrenali?

I cibi migliori sono la carne di tacchino e pollo biologici poiche’ sono ricchi di proteine e aminoacidi come il triptofano e la tirosina, ottimi per sollevare l’umore.

Il pesce azzurro come il salmone selvatico, che è una buona proteina ma anche ricco di acidi grassi essenziali omega 3 e quindi ha un potente effetto anti-infiammatorio.

L’avocado, ricco di minerali e acidi grassi essenziali. Le verdure crocifere come broccoli, cavolfiori, cavoletti di Bruxelles, cavoli che sono ricchi di minerali e sostanze nutritive, ma anche ricchi di fibre che contribuiscono a stabilizzare i livelli di zucchero nel sangue fornendo energia costante di supporto.

Il sale rosa dell’Himalaya in quanto ricco di minerali e contiene tutti gli 84 elementi che si trovano nel tuo corpo. Le alghe in fiocchi come la Dulse poiche’ sono ricche di sostanze nutritive e minerali per il tuo corpo per apportare in particolare lo iodio.

Ed ora vediamo quali integratori sono utili per supportare le ghiandole surrenali.

Innanzitutto le Vitamine del gruppo B in quanto la tua risposta allo stress consuma le vitamine del gruppo B per contribuire alla produzione di cortisolo. Ed e’ proprio questo che ti fa sentire spossato e stanco.

Poi ci sono il Magnesio e i minerali. Infatti quando sei stressato elimini il magnesio. Questo a sua volta causa affaticamento muscolare, crampi e spasmi e anche la tua energia si blocca.

Molto utili sono le piante fitoterapiche Withania e Rhodiola. Hanno un effetto ristorativo sulle ghiandole surrenali poiché aiutano regolare i livelli di cortisolo.

Sono classificate come tonici di resistenza fisica e mentale, quindi possono supportare i livelli di energia, la prontezza, l’umore e la memoria.

Se questi contenuti ti sono stati d’aiuto condividili con le persone a te care.

Probiotici: come sceglierei migliori?

Probiotici migliori: come sceglierli

È importante sapere che esistono diversi tipi di ceppi batterici di probiotici e in questo video vedremo come scegliere gli integratori probiotici migliori. Se desideri utilizzare i probiotici migliori per affrontare un problema di salute specifico, è fondamentale selezionare il probiotico giusto per la condizione giusta – oppure è possibile consumare una vasta gamma di probiotici nel cibo da coprire eventuali carenze.

I probiotici viventi sono una parte vitale di un ambiente intestinale sano per supportare molti aspetti della salute.

Leggendo un’etichetta del probiotico, dovrebbe rivelare il genere, la specie e il ceppo del probiotico. Il prodotto, di solito in capsule, dovrebbe anche darti le unità di formazione di colonie (chiamate CFU) al momento della produzione. Inoltre tieni presente che la maggior parte dei probiotici può morire sotto il calore, quindi è importante anche sapere che l’azienda abbia immagazzinato e rinfrescato correttamente l’impianto di produzione.

Ci sono sette cose specifiche che devi considerare quando acquisti un integratore probiotico:

1 Marchio di qualità: cerca marchi di integratori alimentari affidabili e consolidati con recensioni dei clienti prontamente disponibili.

  1. Alto numero di CFU: acquista un marchio probiotico con un numero maggiore di probiotici, da 15 a 100 miliardi.
  2. Sopravvivenza e diversità dei ceppi: cerca i ceppi di Bacillus coagulans, Saccharomyces boulardii, Bacillus subtilis, Lactobacillus plantarum, Bacillus clausii e altre colture o formule che assicurano che i probiotici raggiungano l’intestino e siano in grado di colonizzarlo.
  3. Prebiotici ed ingredienti supplementari – Affinché i batteri probiotici crescano, hanno bisogno dei cosiddetti prebiotici. Gli integratori probiotici di alta qualità hanno sia prebiotici che altri ingredienti progettati per supportare la digestione e l’immunità. Alcuni esempi di questi ingredienti preferibilmente fermentati sono: semi di lino, semi di chia, astragalo, withania, semi di canapa, semi di zucca, cardo mariano, piselli, zenzero e curcuma.
  4. Tipi di stabilità e di organismi – Alcuni ceppi probiotici devono essere tenuti al freddo per preservare la loro potenza. Questo vale per la loro produzione, trasporto, stoccaggio e vendita. Altri sono stabili anche a temperatura ambiente e non richiedono refrigerazione. Sfortunatamente, la maggior parte dei probiotici refrigerati non riesce a superare lo stomaco perché non sono stabili a differenza di quelli stabili a temperatura ambiente. 
  5. Zucchero – Lo zucchero non è una buona fonte di cibo per i probiotici. I prebiotici sono la fonte di cibo destinata a mantenere in vita i probiotici. 
  6. I probiotici con “Le colture viventi e attive” sono una scelta migliore rispetto ai probiotici “realizzati con colture attive”. Dopo la fermentazione, il prodotto può essere sottoposto a trattamento termico, che uccide batteri buoni e cattivi prolungando la durata di conservazione ma annullando gli effetti benefici dei probiotici stessi.

Se questi contenuti ti sono stati di aiuto condividili con le persone a cui vuoi bene.

 

4 modi potenti per migliorare la salute e la longevità con l’epigenetica. Le tue convinzioni sono più forti dei tuoi geni

 

Gli scienziati sono stati a lungo affascinati dal nostro DNA e il 20° secolo ha portato enormi progressi nello studio della genetica umana; abbiamo finalmente assistito alla mappatura completa del genoma umano. E una volta completata, molti esperti hanno capito che i nostri geni non sono necessariamente il nostro destino. Infatti, i tuoi geni causano meno del 10 percento di tutte le malattie!

Se i tuoi geni non stanno guidando la malattia allora che cos’è?

L’Epigenetica, lo studio di come il nostro ambiente influenza i nostri geni, è molto più accurata quando si tratta di determinare la tua salute. Ad esempio, sappiamo che mangiare cibi nutrienti, impegnarsi in attività fisiche che ami e fare altre scelte di stile di vita sano può effettivamente migliorare la tua salute. Le tue convinzioni sono il tuo ambiente. Le tue convinzioni, le tue relazioni, il cibo che mangi, l’aria che respiri, il modo in cui gestisci lo stress e molti altri fattori interni ed esterni, sono ciò che fa scattare il modo in cui i tuoi geni si esprimono.

Lo scienziato biologo Bruce Lipton, Ph.D., autore best-seller di “La Biologia delle Credenze: come il pensiero influenza il DNA e ogni cellula”, dice che i nostri geni sono solo dei “disegni” con lo stesso potere di una lampadina. Diamo loro il potere di accendere e spegnere le nostre convinzioni. Dichiara inoltre che la maggior parte dei problemi di salute si verificano a causa di “percezioni errate” che abbiamo appreso o acquisito. E, poiché le percezioni possono essere cambiate, così può fare la nostra salute. Quindi cambiare le tue convinzioni è una delle cose più potenti che puoi fare per te stesso. Se credi veramente a livello della tua mente inconscia che sei giovane e vibrante, indipendentemente dalla tua età, la tua convinzione innesca una risposta per attivare i geni della longevità.

Inoltre, potresti non essere l’unico a beneficiarne. Proprio come potresti aver ricevuto il gene di tua nonna per qualche cosa positiva, c’è sempre il potenziale per trasmettere la tua buona salute alle generazioni future. Ciò significa che se stai pensando di avere figli o già ne hai, cambiare le tue convinzioni sul tuo destino di salute potrebbe essere il modo migliore per garantire loro la salute.

Le tue convinzioni sono più forti dei tuoi geni

Non è troppo tardi per cambiare le tue convinzioni e cambiare la tua salute in meglio. Ecco i 4 modi per potenziare te stesso verso una salute vibrante:

1. Prendi nota di come parli della tua salute.

Le tue parole diventano il tuo destino. Le parole che pronunci vanno nelle tue orecchie. Loro letteralmente atterrano nel tuo corpo e le tue cellule rispondono. Invece di parlare di qualsiasi dis-agio o disabilità, parla in modo positivo di ciò che sei capace di fare e di come stai sostenendo te stesso, e diventerai sano come le tue parole. Quindi scegli parole positive quando parli della tua salute.

2. Riconosci quali disturbi corrono nella tua famiglia.

È importante essere in grado di compilare la cronologia familiare sui disturbi che si tramandano di generazione in generazione ma non permettere che queste informazioni occupino troppo spazio nel tuo cervello. E soprattutto evita di parlare come se fosse inevitabile che finiresti come un membro della famiglia che ha una particolare malattia.

3. Usa la saggezza interiore per elevare il tuo patrimonio di salute a un livello vibrante.

E’ fondamentale coltivare la propria saggezza interiore per creare salute. Ci sono molti modi per accedere alla tua saggezza interiore, ad esempio puoi prestare attenzione ai tuoi sogni o sintonizzarti con le tue emozioni, col ciclo mestruale o anche i tuoi livelli di energia in tempi diversi.

4. Ascolta cosa ti sta dicendo la tua malattia.

Ascoltare il tuo corpo è il modo più semplice per creare la salute ogni giorno. Idealmente potresti ascoltare il tuo corpo prima che insorgano dei disagi. Se hai già dei segni chiari riguardo ad un disturbo, fai attenzione a quello che ti stanno comunicando. Riconosci che potrebbe essere necessario apportare alcune modifiche nella tua vita. Lascia spazio alle tue emozioni di emergere per essere liberate.

Infine ti lascio con questa riflessione: come hai cambiato o stai cambiando le tue convinzioni e la tua salute?

 

Stanchezza Surrenale: 10 Rimedi di Naturopatia Australiana

 

L’affaticamento surrenale è caratterizzato da una stanchezza implacabile e debilitante. Le ghiandole surrenali sono gli “ammortizzatori” primari del tuo corpo.

Queste due piccole ghiandole della dimensione del pollice che si trovano sopra i tuoi reni producono ormoni quali norepinefrina, cortisolo e DHEA che ti permettono di rispondere alle condizioni della tua vita quotidiana in modo sano e flessibile.

Discuterò i segni della stanchezza surrenale e i trattamenti per l’affaticamento di seguito, ma prima, dovresti sapere quali sono gli ormoni coinvolti nell’insufficienza surrenale.

Che cosa causa l’affaticamento surrenale?

La noradrenalina (chiamata anche adrenalina) è comunemente considerata l’ormone della lotta o della fuga. Viene prodotta quando qualcosa è (o tu pensi che sia) minaccioso.

Questo ormone ti fa battere forte il cuore, fa fluire il sangue al tuo cuore e ai grandi gruppi muscolari, fa si che le pupille si allarghino, la mente acceleri e la tua tolleranza al dolore aumenti: fondamentalmente ti prepara alla battaglia.

Le battaglie dei giorni nostri sono probabilmente quelle cose che spingono il tuo corpo a continuare quando è affaticato, affrontare un lavoro stressante o reagire con riflessi veloci per evitare un incidente stradale.

Il cortisolo aumenta l’appetito e i livelli di energia mentre attenua le risposte allergiche e infiammatorie del tuo sistema immunitario. Questo ormone stimola la conservazione e il rilascio di energia nel corpo, aiuta il corpo a resistere agli effetti stressanti di infezioni, traumi e temperature estreme e aiuta a mantenere le emozioni stabili.

Idealmente, il cortisolo viene rilasciato nel sistema solo occasionalmente, piuttosto che in risposta allo stress cronico. Se i livelli di cortisolo diventano troppo alti per troppo tempo, possono avere effetti collaterali indesiderati, tra cui perdita della densità ossea, deperimento muscolare, assottigliamento della pelle, diminuzione della capacità di costruire proteine, danni ai reni, ritenzione di liquidi, aumento dei livelli di zucchero nel sangue, aumento di peso e aumento della vulnerabilità a batteri, virus, funghi, lieviti, allergie e parassiti.

Il deidroepiandrosterone (DHEA) è un androgeno prodotto sia dalle ghiandole surrenali che dalle ovaie. Il DHEA aiuta a neutralizzare l’effetto immunosoppressore del cortisolo, migliorando così la resistenza alle malattie. (Il cortisolo e il DHEA sono inversamente proporzionali tra loro: quando uno è attivo, l’altro va giù.) DHEA aiuta anche a proteggere e aumentare la densità ossea, protegge la salute cardiovascolare mantenendo i livelli di colesterolo “cattivo” (LDL) sotto controllo, fornisce vitalità ed energia, affina la mente e aiuta a mantenere i normali schemi di sonno.

Come la noradrenalina e il cortisolo, il DHEA migliora anche la capacità di recuperare da episodi di stress e traumi, superlavoro, temperature estreme, ecc. E se una donna sta vivendo un calo della libido a causa dei livelli di testosterone in calo, spesso la causa deriva dall’abbassamento dei livelli di DHEA, poiché il DHEA è l’ingrediente principale che il corpo utilizza per produrre testosterone.

Se l’intensità e la frequenza dello stress nella tua vita, sia delle tue percezioni interne che di cose esterne reali come ad esempio un intervento chirurgico o il turno di notte al lavoro, diventano troppo grandi, allora nel tempo le tue ghiandole surrenali inizieranno ad esaurirsi.

Ciò significa che è molto più probabile che tu possa soffrire poi di stanchezza cronica e ad esempio dei sintomi della menopausa poiché una donna in uno stato di stanchezza surrenale rischia di trovarsi in un netto svantaggio quando entra in perimenopausa, perché la stessa perimenopausa è una forma aggiuntiva di stress. L’insufficienza surrenale di solito suggerisce che ci sono problemi di vita di lunga data che necessitano di risoluzione.

Questi problemi si presenteranno tutti più grandi se visti con la chiarezza mentale della perimenopausa e non solo l’esaurimento surrenale renderà la transizione inutilmente sgradevole, ma può anche privare una donna delle risorse di cui ha bisogno per affrontare tali problemi e per abbracciare pienamente l’energia creativa della seconda parte della sua vita.

Livelli anormali di adrenalina e cortisolo possono causare disturbi dell’umore, disturbi del sonno, ridotta resistenza alle malattie e cambiamenti nella circolazione vitale. Poiché questi effetti collaterali non sono abbastanza scomodi da risultare intollerabili, spesso si continua con uno stile di vita autodistruttivo e adreno-depleto.

Il DHEA, che aiuta il corpo a riprendersi da questo tipo di abuso cronico, viene accelerato a tempo pieno invece che solo in modo episodico. A poco a poco le ghiandole surrenali si esauriscono seriamente, con il primo e più profondo effetto della loro diminuita capacità di produrre DHEA.

Man mano che i livelli di questo ormone rigenerativo diminuiscono, anche i livelli di cortisolo e adrenalina iniziano a fluttuare, poiché le ghiandole surrenali cercano di adempiere a compiti sempre più impossibili per un maggiore sostegno.

Il risultato è spesso la stanchezza implacabile e debilitante che è il segno distintivo dell’insufficienza surrenale. Sebbene questa stanchezza sia comunemente accompagnata da umore depresso, irritabilità e perdita di interesse nella vita, ciò non significa che l’esaurimento surrenale sia necessariamente la causa del cambiamento di umore ma problemi simili possono anche essere causati da un malfunzionamento della tiroide.

Questo è il motivo per cui questi sintomi emotivi non sempre vanno via con il trattamento, i problemi sottostanti rimangono irrisolti finché non vengono affrontati in modo specifico dal comportamento e dai cambiamenti dello stile di vita.

Segni della stanchezza surrenale

Ecco alcuni segni tipici di esaurimento surrenale: ti risvegli sentendoti “stordito” e hai difficoltà a trascinarti fuori dal letto. Non puoi iniziare la giornata senza quel primo caffè o tè del mattino. Non solo fai affidamento su snack zuccherati e caffeina per superare la giornata, ma scopri che in realtà brami i dolci, in particolare nella tarda mattinata o nel pomeriggio.

Il tuo pensiero è offuscato e hai problemi di memoria. Soffri di infezioni ricorrenti, digestione pessima, mal di testa e depressione. Di notte, anche se sfinito, hai difficoltà ad addormentarti mentre le preoccupazioni del giorno ti si ripetono nella testa e soffri di insonnia.

Gli eventi stressanti ordinari hanno un impatto sproporzionato rispetto alla loro importanza. Ti chiedi cosa sia successo al tuo interesse per il sesso. Se questa descrizione è adatta a te, le ghiandole surrenali potrebbero essere esaurite, anche se tutti i test medici convenzionali sono normali.

Gli esami del sangue convenzionali potrebbero indicare che le ghiandole surrenali sono normali, tuttavia, un approccio diagnostico migliore testerà i tuoi livelli in diversi momenti della giornata, il che è molto più probabile che sveli eventuali squilibri nella produzione di cortisolo o di DHEA. L’affaticamento surrenale è caratterizzato da livelli di cortisolo troppo elevati durante la notte e non abbastanza alti al mattino.

Che cosa causa l’affaticamento surrenale

Lo stress senza sosta per lunghi periodi di tempo che non viene gestito, combinato con una dieta povera di nutrienti, è ciò che di solito porta alla stanchezza surrenale.

Stanchezza surrenale rimedi di Naturopatia Australiana 

Un’ottima alternativa per la risoluzione della stanchezza surrenale a lungo termine consiste nel ripristinare la salute delle ghiandole surrenali in modo che possano produrre da sole gli ormoni necessari. Ciò richiederà dei cambiamenti nello stile di vita che hanno causato l’insufficienza surrenale. Ecco alcuni suggerimenti:

Concentrati maggiormente sui pensieri amorevoli. Pensieri che ti portano piacere (come pensare alle persone che ami, ai tuoi animali preferiti, a un pasto delizioso o anche a un dolce ricordo) mettono in cortocircuito il danno causato dalla reazione fisiologica del corpo allo stress. All’inizio, imparare a “pensare con il cuore” può essere una sfida, ma ne vale sicuramente la pena. Se lo apprendi fedelmente e fai regolarmente attenzione alle aree della tua vita che ti donano gioia e soddisfazione, nel tempo evocherai cambiamenti biochimici nel tuo corpo che ricaricheranno le tue batterie surrenali. Inoltre, fai più cose che ti fanno piacere e ti fanno ridere e meno attività che sembrano obblighi. Passa più tempo con le persone che ti fanno sentire bene e meno tempo con quelle che ti scaricano.

Dimora di più su ciò che ti piace di te stesso e meno su ciò che vedi come i tuoi limiti. In breve, divertiti di più! Rendi il piacere una priorità invece che un lusso.

Consenti a te stesso di accettare nutrimento e affetto. Se non hai imparato come farlo da bambino, potresti aver bisogno di allenarlo. Ogni mattina, prima di alzarti, trascorri un minuto o due divertendoti nel ricordo di un tempo in cui ti sei sentito amato. Fai lo stesso di notte. Immagina che il tuo cuore si riempia di questo amore. Usa affermazioni positive che ti aiutino a sentirti meritevole di questo nutrimento e amore.

Segui una dieta sana e completa a base di proteine ​​adeguate e priva di zucchero (ogni pasto o spuntino dovrebbe contenere alcune proteine). Evita la caffeina perché letteralmente scarica le ghiandole surrenali. In questa fase di ripristino delle tue funzioni ormonali evita anche i regimi di digiuno o disintossicazione perché possono indebolire ulteriormente il tuo metabolismo energetico.

Assumi un integratore multivitaminico.

Supporto a base di erbe. La Radice di liquirizia contiene ormoni vegetali che imitano gli effetti del cortisolo. Assicurati di monitorare la tua pressione sanguigna, in quanto la liquirizia può aumentarla in individui sensibili. Ginseng siberiano contiene un componente che è il precursore del DHEA e del cortisolo. Può avere un effetto stimolante e quindi potrebbe interferire con il sonno: prendilo prima delle tre del pomeriggio. Rhodiola e’ una pianta adattogena che minimizza gli effetti dello stress e ti aiuta anche a perdere peso accumulato.

Radice di liquirizia, Ginseng siberiano, Rhodiola

Dormi in abbondanza: il sonno è l’approccio più efficace ai livelli di adrenalina elevati. Molte donne richiedono da otto a dieci ore di sonno per funzionare in modo ottimale. Prova ad andare a letto alle dieci di sera. Andare a dormire prima della mezzanotte è molto più rigenerante per le ghiandole surrenali anche se ti svegli tardi la mattina successiva.

Essenze Floreali AustralianeBlack Eyed Susan quando ti senti frenetico, sovraesposto, troppo impegnato e vai sempre di fretta, ti aiuta a lasciar andare vecchi schemi ed abitudini, in modo da rallentare e riposare per non finire esausto; Macrocarpa è l’essenza da utilizzare quando ti senti completamente esausto, oppresso e stanco nella profondità del tuo essere poiché ti aiuta a recuperare forza fisica, resistenza e forza interiore agendo a livello delle ghiandole surrenali.

Black Eyed Susan, Macrocarpa

Allenati regolarmente. Un regolare esercizio fisico da leggero a moderato è utile, ma non allenarti tanto da sentirti sfinito in seguito. Spingendoti oltre i tuoi limiti indebolisce ulteriormente le ghiandole surrenali, quindi inizia lentamente, anche se si tratta di camminare solo lungo la strada di casa e ritornare. 

Esponiti alla luce solare naturale fino a 10-15 minuti di esposizione tre o quattro volte alla settimana. Questo non è solo un bene per le ghiandole surrenali, ma aumenta anche la produzione di vitamina D per rafforzare le difese immunitarie. Prendi il sole al mattino presto o nel tardo pomeriggio, mai nelle ora più calde per non bruciare o arrossire la pelle. 

Datti delle priorità. Fai un elenco delle tue attività e dei tuoi impegni più importanti e lascia che tutto il resto vada in secondo piano. Non impegnarti in una nuova attività a meno che non sia qualcosa che ti ricarichi le batterie.