probiotici migliori

Probiotici: come sceglierei migliori?

Probiotici migliori: come sceglierli

È importante sapere che esistono diversi tipi di ceppi batterici di probiotici e in questo video vedremo come scegliere gli integratori probiotici migliori. Se desideri utilizzare i probiotici migliori per affrontare un problema di salute specifico, è fondamentale selezionare il probiotico giusto per la condizione giusta – oppure è possibile consumare una vasta gamma di probiotici nel cibo da coprire eventuali carenze.

I probiotici viventi sono una parte vitale di un ambiente intestinale sano per supportare molti aspetti della salute.

Leggendo un’etichetta del probiotico, dovrebbe rivelare il genere, la specie e il ceppo del probiotico. Il prodotto, di solito in capsule, dovrebbe anche darti le unità di formazione di colonie (chiamate CFU) al momento della produzione. Inoltre tieni presente che la maggior parte dei probiotici può morire sotto il calore, quindi è importante anche sapere che l’azienda abbia immagazzinato e rinfrescato correttamente l’impianto di produzione.

Ci sono sette cose specifiche che devi considerare quando acquisti un integratore probiotico:

1 Marchio di qualità: cerca marchi di integratori alimentari affidabili e consolidati con recensioni dei clienti prontamente disponibili.

  1. Alto numero di CFU: acquista un marchio probiotico con un numero maggiore di probiotici, da 15 a 100 miliardi.
  2. Sopravvivenza e diversità dei ceppi: cerca i ceppi di Bacillus coagulans, Saccharomyces boulardii, Bacillus subtilis, Lactobacillus plantarum, Bacillus clausii e altre colture o formule che assicurano che i probiotici raggiungano l’intestino e siano in grado di colonizzarlo.
  3. Prebiotici ed ingredienti supplementari – Affinché i batteri probiotici crescano, hanno bisogno dei cosiddetti prebiotici. Gli integratori probiotici di alta qualità hanno sia prebiotici che altri ingredienti progettati per supportare la digestione e l’immunità. Alcuni esempi di questi ingredienti preferibilmente fermentati sono: semi di lino, semi di chia, astragalo, withania, semi di canapa, semi di zucca, cardo mariano, piselli, zenzero e curcuma.
  4. Tipi di stabilità e di organismi – Alcuni ceppi probiotici devono essere tenuti al freddo per preservare la loro potenza. Questo vale per la loro produzione, trasporto, stoccaggio e vendita. Altri sono stabili anche a temperatura ambiente e non richiedono refrigerazione. Sfortunatamente, la maggior parte dei probiotici refrigerati non riesce a superare lo stomaco perché non sono stabili a differenza di quelli stabili a temperatura ambiente. 
  5. Zucchero – Lo zucchero non è una buona fonte di cibo per i probiotici. I prebiotici sono la fonte di cibo destinata a mantenere in vita i probiotici. 
  6. I probiotici con “Le colture viventi e attive” sono una scelta migliore rispetto ai probiotici “realizzati con colture attive”. Dopo la fermentazione, il prodotto può essere sottoposto a trattamento termico, che uccide batteri buoni e cattivi prolungando la durata di conservazione ma annullando gli effetti benefici dei probiotici stessi.

Se questi contenuti ti sono stati di aiuto condividili con le persone a cui vuoi bene.

 

Comments

comments

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *